fb <Curiosità>  <Scuola di Cucina>

Radice ginsengLa Radice del Ginseng

Il Ginseng viene coltivato in Asia, ve ne sono diverse varietà, in base al tipo di estrazione. In Corea cresce la varietà rossa che è la migliore poiché, essendo estratto a freddo, subisce poche alterazioni.

Nei prati italiani cresce spontanea un'erba, Panace o Heracleum spondykium la quale, pur non raggiungendo l'efficacia del ginseng, ne possiede proprietà simili.

A cosa serve

Ha un alto contenuto di principi attivi tonificanti: ginsenoidi, vitamine del gruppo B, vitamina C, olio essenziale, peptidi, pollini, saponosidi, aminoacidi, minerali e oligoelementi che gli conferiscono varie proprietà. Oltre a rinvigorire l'organismo, il ginseng potenzia il sistema immunitario, endocrino e nervoso, è un efficace antistress, antifatica, antidepressivo e sembra essere in grado di ridurre i lipidi (grassi) e gli zuccheri in eccesso nel sangue.

Effetti Collaterali

Come tutte le sostanze naturali o chimiche, anche il ginseng possiede qualche controindicazione importante: può provocare, infatti, ipertensione, cefalea, irritabilità e tremori.

Associazioni pericolose con i farmaci comuni

Interferisce con gli anticoagulanti aumentando il rischio di emorragie.

Il mio consiglio

Avendo la pressione bassa, posso assumere il ginseng senza preoccupazioni, ma mi limito ad ingerire una capsula al mattino soltanto quando mi sento particolarmente stanca e mi aspetta una giornata piena di impegni. Devo ammettere che non ho ancora trovato un integratore equivalente che abbia le stesse proprietà antifatica, ma non esagero perché è davvero molto, molto stimolante.

©Flory Brown

 

Vai