fb <Curiosità>  <Scuola di Cucina>

Petali di rosaFiori edibili

I fiori commestibili si dividono in due categorie: i fiori coltivati o da giardino ed i fiori selvatici che crescono spontanei. Per consumare un prodotto salutare è bene tenersi a distanza da strade trafficate ed inquinanti.

Uso

I fiori che si possono mangiare sono moltissimi, è importante che non siano trattati chimicamente durante la coltivazione e che, in fase di conservazione, non vengano usati prodotti chimici di alcun genere.

Fiori Coltivati

  • calendule

  • crisantemi

  • dalie

  • fiori di pesco

  • garofani

  • gelsomino

  • geranio

  • lavanda

  • lillà

  • magnolia

  • nasturzio

  • piselli odorosi

  • rose

  • viole

Fiori Selvatici

  • borragine

  • caprifoglio

  • primule

  • robinia o acacia

  • sambuco

  • verbasco

  • violette selvatiche

Proprietà

Il crisantemo è molto efficace nei casi di dispepsia.

I fiori di lavanda contengono sostanze utili alla digestione difficile.

La primula è un toccasana contro l'insonnia.

La viola e le violette, secondo gli antichi, erano un rimedio per il mal di testa, in particolare Ippocrate le consiglia per scongiurare i postumi di una sbornia. Le viole hanno un alto contenuto di mucillagine, vitamina A e C.

Produzione casalinga e consumo

I fiori si possono conservare in frigorifero per 2-3 giorni avvolti nella carta o dentro sacchetti di plastica e non vanno bagnati.

Si possono usare anche le foglie di violette selvatiche e primule per consumarle in insalata.

I fiori si possono consumare sia crudi che cotti ed essere utilizzati nelle classiche guarnizioni che arricchiscono i piatti con i colori ed i profumi che li caratterizzano.

©Flory Brown

 

Vai