fb <Curiosità>  <Scuola di Cucina>

Fiore di curcuma

Curcuma (spezia)

La curcuma è una pianta che rassomiglia allo zenzero. Dalla polpa giallo arancio del suo rizoma essiccato si ricava la spezia omonima. Viene venduta quasi sempre in polvere perché risulta difficile macinare il rizoma fresco.

Uso

La curcuma è una spezia molto colorata e viene spesso impiegata per tingere il curry, salamoie, bibite e dessert. Nell'industria viene usata per dare colore alla senape, al burro e ad alcuni formaggi. La polvere è gialla perché contiene la curcumina, un colorante che, combinato con gli alcali, assume toni rossicci.

Venduta in contenitori di vetro va riposta in luogo secco e buio.

Ha un sapore particolare, fragrante, si avvicina al curry ed è leggermente amarognolo.

E' molto diffusa in Marocco e nei paesi dell'Est asiatico.

Viene chiamata zafferano indiano, ma è molto diverso dal nostro prodotto per colore e sapore, quindi non è il caso di sostituirlo allo zafferano che usiamo in cucina.

Proprietà

Sembra che la curcuma sia un tonico per il fegato, che calmi le infiammazioni ed attenui i problemi digestivi.

Contribuisce a migliorare la circolazione ed ha un'azione antibatterica.

E' impiegata come regolatore intestinale, diuretico e, in India, come cosmetico e disinfettante.

Produzione casalinga e consumo

La polvere sfusa di curcuma va conservata in un contenitore ermetico, di vetro o metallo e riposta in dispensa.

Curcuma in polvere

©Flory Brown

 

Vai